Giorgia Solari Damiano Maneskin

Giorgia Soleri risponde a Damiano David e racconta la sua verità dopo la rottura e il presunto tradimento.

Giorgia Soleri risponde a Damiano

Trovo che poter vivere la propria sessualità in modo libero, consensuale e completo sia bellissimo e arricchente per sé e per tutte le persone che, in modi diversi, si rapportano a noi.

Non considero l’esclusività un valore (al contrario lo è l’inclusività) motivo per cui la relazione tra me e Damiano era, di comune accordo e in modo del tutto consensuale, non monogama.

Mi rendo conto che per alcuni può essere complesso da comprendere, ma il fatto che ci sia stato qualsiasi tipo di interazione con altre persone non è il fulcro del problema.

Non lo era prima, per nessuno dei due, non vedo come potrebbe esserlo ora.

Per tutelarci però in questo momento delicato fatto di enormi cambiamenti, avevo esplicitamente chiesto di avere un po’ di discrezione nelle nostre vite pubbliche, almeno fino al giorno in cui (per evitare articoli su articoli di supposizioni e insinuazioni) avremmo comunicato di non essere più una coppia, cosa che doveva succedere oggi.

Non è andata così, e il problema nasce da questo. Ma per quanto io sia arrabbiata, ferita e delusa non posso non considerare la nostra natura umana, fatta di tentativi ed errori.

Avrebbe potuto evitare Damiano?

Probabilmente sì. Come io avrei potuto evitare altri errori nel corso di questi 6 bellissimi anni insieme.

Siamo umani, fragili, vulnerabili.

Sbagliamo, inciampiamo, cadiamo e ci rialziamo. Le nostre relazioni sono universi infiniti e complessi, e giudicarli dall’esterno è impossibile.

Mi dispiace vedere come per tanti sia invece incredibilmente facile e veloce, quando a viverlo sono persone sotto i riflettori.

Non siamo cartonati, ma carne ed ossa, sentimenti e paure.

Soffriamo e ridiamo come chiunque. Vi chiedo solo di aver rispetto di noi come persone e di questo amore che è stato fortissimo, intenso e profondo.

Giorgia”