Frammenti Space One

Frammenti Un Attimo
È in radio e in digitale Un Attimo feat. Space One, il nuovo brano della band umbra Frammenti.

Composto da Simone Federici (voce) , Federico Maracaglia (basso), Eugenio Maglio (chitarra e sintetizzatori) e scritto insieme a Space One, Un Attimo è un pezzo dalle sonorità prettamente pop con richiamo al rock e ai suoni moderni e vuole raccontare il momento che stiamo vivendo, con l’intenzione di ridare la voce a tutti quei lavoratori dello spettacolo che sono rimasti senza lavoro.

I Frammenti definiscono la loro musica “un’esplorazione creativa di più generi, dal rock al pop, fino al rap e alla più recente future bass”. Lo scorso anno si sono classificati terzi al concorso Una Voce per l’Europa, ottenendo allo stesso tempo il primo posto nella sezione brani in lingua italiana.

Il brano è accompagnato da un videoclip, diretto da Federico Maracaglia e girato all’interno della discoteca Matrioska di Deruta (PG). Frammenti Un Attimo

Intervista a Frammenti Un Attimo

Frammenti, siete una band umbra, e come tale è sempre un po’ complicato mettere insieme idee e le varie condivisioni. Quanto è stato difficile la convivenza in questa pandemia?

Inizialmente molto difficile anche perché ognuno di noi, a proprio modo, si è trovato a fare i conti con la propria “solitudine individuale”, condizione che ci stava buttando davvero a terra anche perché questo periodo di stop forzato ci ha tolto in primis la libertà di poter far musica insieme che è la cosa che ci ha permesso sempre di andare avanti superando ogni difficoltà.

Passato il primo momento di disorientamento abbiamo ricominciato a sentirci e a capire quanto per noi fosse indispensabile continuare a scrivere e produrre le nostre canzoni. Così, grazie alla tecnologia che ci ha permesso di lavorare da remoto, siamo tornati a rivedere luce in fondo a questo tunnel ritornando a fare musica.

Un sound molto particolare quello dei Frammenti in quanto nella formazione c’è Federico Maracaglia alla chitarra e al sintetizzatore, come è nata la scelta di utilizzare l’elettronica insieme a strumenti classici?

Tutto nasce dalle infinite combinazioni offerte oggi dalla tecnologia che sono per noi fonte di ispirazione e che quindi diventano parte integrante delle nostre canzoni. Ogni brano che produciamo nasce da una componente elettronica che viene poi integrata dal basso e dalla chitarra elettrica per creare nostro suono.

Il 3 di Settembre esce il vostro primo singolo, “Un Attimo”, avvalendovi di un personaggio già noto nel mondo musicale in particolare quello rap, Space One, perché questa scelta?

La decisione di scegliere Space One è nata principalmente dall’esigenza che avevamo di trovare una figura forte, credibile che con le proprie parole fosse stato in grado di trasmettere con autenticità e fermezza il tema che affronta il brano e il grido di speranza verso tutti coloro i quali in questo periodo difficile sono rimasti senza lavoro chiusi nelle proprie case. Non abbiamo avuto dubbi nell’individuare Space One per ricoprire questa figura e dopo sentito il primo provino che ci ha mandato della sua parte ne abbiamo avuto conferma.

Frammenti

La vostra musica spazia dal rock al pop passando dal rap alla future bass, ma vi definite anche “esploratori creativi”, ci potete spiegare questa ultima definizione?

L’esplorazione creativa ci porta ad essere liberi nella fase di arrangiamento dei brani, non avendo la necessità di rimanere nei canoni di un determinato genere attingiamo a ciò che in quel momento va in risonanza con il brano che stiamo producendo.

Nella vostra formazione c’è una voce, un basso, una chitarra e sintetizzatori, manca una batteria. Perché di questa scelta?

Perché tutti i nostri brani nascono dal lavoro di noi tre e quindi riteniamo che sia il metodo migliore per portare la nostra musica al pubblico nella sua forma più pura. Poi perché è già abbastanza faticoso mettere d’accordo tre teste, figuriamoci quattro… (risata)

Un Attimo”, è una vera e propria denuncia a favore dei musicisti e tutti i lavoratori dello spettacolo che in questa pandemia e anche dopo stanno soffrendo economicamente e non solo. Come mai avete scelto questo argomento per l’esordio dei Frammenti?

È un argomento che ci tocca molto da vicino poiché il nostro chitarrista Federico lavora nel mondo dello spettacolo da molti anni e come molti altri lavoratori ha subìto in prima persona gli effetti della pandemia che hanno danneggiato questo settore. La rabbia e la sofferenza di questo periodo hanno aiutato a far nascere “Un Attimo” nella speranza che in un attimo tutto torni come era prima.

Questo di cui stiamo parlando è l’inizio di una avventura musicale per i Frammenti, ci potete anticipare quale saranno i prossimi step?

Dopo la splendida esperienza a Sanremo Rock, siamo di nuovo in studio e stiamo lavorando su un nuovo singolo che pubblicheremo a breve e chissà, magari anche a qualche nuovo featuring. Nel mese di ottobre saremo al Gran Galà dei Festival a San Marino, la nostra prima esperienza “internazionale”!

Sono in arrivo anche nuove partecipazioni a importanti manifestazioni nazionali che si terranno nel 2022. Per rimanere aggiornati vi invitiamo a seguire i nostri canali social Instagram e Facebook, il nostro canale YouTube FrammentiVEVO e il nostro profilo Twitter. Frammenti Un Attimo