Marco Mengoni Eurovision 2023

Durante la settimana eurovisiva Marco Mengoni ha dimostrato di avere un’ottima padronanza della lingua inglese, ma di cavarsela anche in spagnolo. Un approccio perfetto che gli ha permesso di essere considerato anche dalla stampa internazionale come un vero e proprio Big, al di là del risultato finale.

Rispetto a dieci anni fa il mio inglese è migliore. Ma non è il solo aspetto di cui sono orgoglioso. Sono una persona nuova. In questi giorni sono confuso. Si fanno talmente tante cose che non ho il tempo di elaborarle, ma penso sia meglio così, non mi agito, niente ansia. Meglio così.”

Marco Mengoni nelle varie interviste ha parlato del brano, della differenza tra le sue due partecipazioni eurovisive, ma non solo. Sempre con il sorriso sulle labbra. Qui qualche dichiarazione.

“’Due vite’ sembra un film dell’orrore! Racconta di una relazione tra due persone, che… sono sempre io! Tra il me cosciente e quello del subconscio. Viviamo la vita di giorno e poi c’è quella di notte, dei sogni. Oggi come dieci anni fa all’Eurovision ho visto per la prima volta la perfezione prima di salire sul palco e non lo dimenticherò mai.”

Se avesse potuto scegliere un brano del passato, Marco quale canzone avrebbe portato in gara all’Eurovision.

Mi sarebbe piaciuto portare ‘Proteggiti da me’, una canzone di ‘Atlantico’.”

Un brano proposto da Mengoni anche nel concerto all’Eurovillage. L’artista di Ronciglione è stato interrogato anche sulla musica che ascolta nel tempo libero.

Tutto, da Wagner a Rihanna o James Blake o Rosalia. Non mi piace ascoltare le mie canzoni, quando scrivi un album le ascolti a ripetizione per un anno almeno ti annoi. Raramente capita ne prenda qualcuna dalla mia discografia. Nella mia musica ci sono tante sfumature, frutto di tanti ascolti diversi.

David Bowie, Sam Cook, Donnie Hathaway, James Blake. Ma vorrei celebrare con la mia musica uno straordinario artista italiano… Lucio Dalla.”

Marco non manca di sottolineare il suo amore per l’Italia.

Sembrerà banale, ma in Italia ci sono talmente tanti posti diversi… Venezia, Roma e tutte le città che già conoscete meritano una visita. Amo particolarmente la Sicilia, direi quindi Taormina, Siracusa, Palermo, ci sono tantissimi posti e città bellissimi. Anche uscendo dalle grandi città, la campagna vi piacerà. Il mio luogo del cuore? Roma.”

Vista la fama della cucina italiana… non si può non parlare di pizza!

Le patatine fritte sulla pizza? Cosa? Non lo capisco. Non mettiamo le patatine sulla pizza, ma se vuoi, puoi farlo. Io le mangio separate. La mia pizza preferita? Molto semplice, una classica margherita.”

Mengoni scherza anche su… panettone e pandoro!

Non lo so, non mi piacciono molto i dolci, ma meglio il pandoro, che non ha i canditi, non mi piacciono. Se proprio devo scegliere… Mi piace mescolare. Quando ero piccolo mangiavo il gelato cioccolato e limone, è strano ma anche oggi metterei insieme questi due gusti!”