Marti Stone

Energica e sensuale, Marti Stone ha deliziato con le sue rime e un freestyle di venti minuti il pubblico accorso al Lungomare Duca degli Abruzzi di Marina di Vasto, in provincia di Chieti, per il Jova Beach Party.

Queste le parole che Jovanotti ha scelto per presentare Marti Stone al suo pubblico, annunciando il suo ritorno sullo SBAM Stage:

“È un artista forte, nuova, libera e difficilissima da definire per il genere che fa. È un artista e gli artisti non si definiscono. Si esprimono e si connettono con chi hanno davanti, cercando di trovare un modo per far sentire la propria voce, soprattutto a se stessi. Così come fanno i fiori, che profumano e non si sa il perché. Profumano perché è la loro natura, è il loro colore. Il colore della nostra pelle, del nostro sguardo, è quello che siamo e non c’è uno scopo per tutto ciò. Quello che spetta a noi è fiorire e lei fiorisce sullo Sbam Stage!.

Marti Stone al Jova Beach Party

La cantautrice ha aperto il suo showcase con il nuovo singoloQuesta musica del…, fresco di uscita e incluso nella raccolta Marticolare. Sul palco ha poi iniziato a sparare rime, mischiando alcune sue strofe a momenti di improvvisazione pura, accompagnata dall’ingresso a sorpresa di Frank Santarnecchi e Kalifa Kone, rispettivamente tastierista e percussionista della band di Lorenzo, che hanno iniziato a suonare un pad di batteria al fianco di Leo Fresco al mixer, contribuendo così alla magia della jam in puro stile SBAM Stage.

A sorpresa, la rapper ha poi interrotto “Metti la Protezione” per lanciare un messaggio pro-amore e contro le politiche d’odio italiane. Marti ha così baciato la ballerina Maria Vittoria Piscione (Vicky) al grido di “VIVA L’AMORE!”, ricevendo tutto il calore degli spettatori.