Il Festival di Sanremo 2022 non vedrà TIM come sponsor. L’azienda lascia dopo cinque edizioni (di cui quattro come sponsor unico) in cui la compagnia telefonica aveva fornito alla Rai un cospicuo introito economico.

Il prossimo anno, quindi, ci sarà una redistribuzione degli spazi per sponsor e partner, anche se non si possono non considerare gli 8 milioni e mezzo di euro che l’azienda sborsava alla Rai.

Sanremo 2022, il Festival perde TIM, ma…

La rivelazione in un articolo di Mattia Marzi apparso sulle pagine de Il Messaggero.

“Non ci sarà più Tim ma per sponsorizzare Sanremo 2022 c’è la fila. Gli spazi pubblicitari legati a Sanremo sono sempre richiestissimi, non c’è nessuna preoccupazione ”

Così ad Adnkronos una fonte vicina all’organizzazione del Festival.

Secondo un’ipotesi suggestiva, l’uscita di scena di TIM potrebbe preludere a un ritorno di Wind, azienda della quale è storicamente testimonial Fiorello. Un competitor di TIM che negli anni ha legato il proprio nome al mondo della musica, grazie alla sponsorizzazione di manifestazioni del calibro del Wind Summer Festival e del Wind Music Awards.

Come riportato da Il Sole 24 ore nel febbraio scorso, il fatturato pubblicitario del Festival come raccolta si è chiuso a 38 milioni di euro. Uno in più dell’anno precedente e, a fronte di costi per circa 16 milioni di euro, ha portato nelle casse Rai oltre 20 milioni di attivo.