A-ha

In tutti i digital store dal 16 settembre e in rotazione radiofonica dal 23 settembre, “You Have What It Takes” è il nuovo singolo degli a-ha e anticipa – dopo la pubblicazione di “I’m In” – l’album “True North“, in uscita il 21 ottobre e già disponibile in pre-order.

Il brano mostra il lato più vulnerabile degli a-ha (Magne Furuholmen, Morten e Paul Waaktaar-Savoy), con intricati accordi di chitarra e l’inconfondibile voce di Morten. È come un’eco di speranza, di guarigione e di ripresa. Insomma, una canzone che punta a risollevare l’animo grazie a frasi come “Don’t be afraid to fail or fall, everyone comes with a weight. We learn to walk before we crawl, so do this for all of our sakes. You have what it takes” (“Non abbiate paura di fallire o di cadere, ognuno porta con sé un peso. Impariamo a camminare prima di gattonare, quindi fatelo per il bene di tutti noi. Avete quello che serve“).

«Oh, questo mondo è come un uccellino ferito… Viviamo in un tempo che è sempre più confuso ed effimero e ci sono delle cose che spesso ci dimentichiamo di esprimere», spiega Magne Furoholmen. «Se vogliamo dei cambiamenti positivi, il tutto deve iniziare dalle persone che combattono per i propri ideali, supportate da tutti noi. Ho grande fiducia nel futuro, quando vedo il coraggio e le convinzioni dei giovani. Ce l’hanno loro e ce l’hai anche tu. Tu hai tutto quello che è necessario!».

A-ha: da “You Have What It Takes” a “True North”

Per la realizzazione del loro nuovo album gli a-ha hanno deciso di affrontare tutto con un nuovo approccio. Di fatto,True North– che è il primo progetto di inediti della band dopo “Cast In Steel” del 2015 – non è solo un album, ma anche un film (disponibile anch’esso dal 21 ottobre), che cattura gli a-ha nel novembre 2021 in studio di registrazione a Bodø, la città norvegese a 90km sopra il Circolo Polare Artico.

«In ogni album cerchiamo di sperimentare, per vedere se c’è un modo diverso di procedere»

Con le 12 tracce di “True North” – sei scritte da Magne e sei da Paul – gli a-ha sottolineano così l’impegno della band nell’affrontare qualcosa di nuovo: «Prima di tutto abbiamo avuto l’idea di registrare l’album live in studio. Poi, di filmare questa sessione con l’orchestra norvegese, l’Arctic Philarmonic, con cui abbiamo collaborato».

Il film multidimensionale descrive un arco narrativo che abbraccia lo spirito delle nuove canzoni, mostrando come ogni persona è connessa con l’ambiente che lo circonda. I brani di “True North” sono infatti impregnati di un profondo senso di appartenenza e connessione con l’ambiente circostante. Con questa loro lettera dalla Norvegia, gli a-ha mostrano dunque da dove vengono e chi sono, e come il legame tra questi due aspetti sia indistruttibile. Proprio per questo, l’album mostra gli a-ha più sinceri, più personali e più emozionanti di sempre. Di fatto, mai prima d’ora avevano deciso di esporsi così tanto.