Alessandra Amoroso Tutto Accade a San Siro

Tutto Accade a San Siro, mai titolo fu più azzeccato, per un evento incredibile, emozionale ed emozionante con Alessandra Amoroso come divina maestra di cerimonia.

Il primo San Siro della cantante salentina è un tripudio di arte, tra colori e cuori, gli oltre 40mila che si innalzano al cielo e rendono unica una caldissima serata milanese.

Oltre due ore e mezza di musica, con la luna piena sullo sfondo, 90 ballerini, 47 elementi d’orchestra (diretti dal Maestro Pino Perris), 8 musicisti, Davide Aru (direzione artistica e chitarre), Ronny Aglietti (basso e sequenze), Dado Pecchioli (batteria), David Pieralisi (chitarre), Alessandro Magnalasche (chitarre), Roberto Bassi (tastiere), Luciana Vaona (cori), Pamela Scarponi (cori). Uno spettacolo completo in un luogo simbolo della musica italiana e internazionale.

“Buonasera a tutti. Che figata. Benvenuti al nostro primo stadio insieme. Desidero per il tempo che verrà di farvi emozionare, piangere di gioia portandovi nel mio mondo, quello di due anime che si sono viste, prese per mano e comprese.”

Parole sentita e che toccano l’anima di quella family che segue Alessandra fin dai suoi esordi e che non ha mai smesso di seguirla e di apprezzare un approccio musicale vero, sincero, basato sul cuore, su quelle sensazioni che evocano quell’amore puro che l’artista regala ogni volta che sale sul palco e prende in mano un microfono.

“In questi anni nel mondo sono successe cose incredibili e surreali. Quello che conta è oggi, Qui e adesso.”

Una celebrazione del presente, ma con un occhio attento al passato e a chi non ha creduto nelle potenzialità di un’animo nobile.

“A quelli che mi hanno detto che non ce l’avrei fatta dico solo… Tutto accade. Circondatevi di persone positive che possono essere il vostro valore aggiunto. Credeteci sempre!”

Il concerto scorre veloce, grazie a una scaletta varia e che spazia nei quasi tre lustri della carriera dell’artista. Un amore tra Alessandra e la sua family che si celebra, si materializza con una fisicità incredibile, quasi disarmante.

“Faccio la disinvolta, ma… La vita è imprevedibile, ma possiamo comprendere da che parte andare, quale direzione prendere. Io anche grazie a voi ho sempre scelto la strada del bene, quella della verità e della condivisione.”

La presenza di Dardust crea un’atmosfera sognante, onirica, straniante. Il suo inconfondibile tocco sul pianoforte non ha eguali e la versione di Puro Amore che arriva dopo il primo cambio d’abito è una scossa, un brivido, un colpo al cuore.

“Grazie per aver condiviso con me e con la family la tua musica e l’artista che sei. Dardust, ti voglio un sacco di bene.”

I Boomdabash, invece, portano quel tocco di festa, di magia estiva e di territorialità, proprio per testimoniare la capacità di Alessandra di cambiare pelle e di non prendersi troppo sul serio.

https://www.instagram.com/p/Cf9s5j9r4NR/

Alessandra Amoroso, Tutto Accade a San Siro, la scaletta

  • 1. AleAleAle
  • 2. Tutte le volte
  • 3. Il bisogno che ho di te
  • 4. Avrò cura di tutto
  • 5. La stessa
  • 6. Che sapore ha
  • 7. Un senso ed un compenso
  • 8. Canzone inutile
  • 9. Buongiorno
  • 10. Una strada per l’allegria
  • 11. Trova un modo
  • 12. Amore Puro / Difendimi per sempre
  • 13. Segreto / Stella Incantevole
  • 14. Stupida / È vero che vuoi restare
  • 15. Sul ciglio senza far rumore / Urlo e non mi senti
  • 16. Estranei a partire da ieri / Senza nuvole
  • 17. Tutte le cose che io so
  • 18. Il nostro tempo
  • 19. Immobile
  • 20. Forza e coraggio
  • 21. Tutto Accade
  • 22. A tre passi da te
  • 23. Mambo Salentino
  • 24. Karaoke
  • 25. Simmetria dei desideri / Il mio stato di felicità
  • 26. Vivere a colori
  • 27. Comunque andare
  • 28. Piuma
  • 29. Camera 209
  • 30. Sorriso Grande

Ora… appuntamento al tour autunnale nei palazzetti! (Qui le date)