Eurovision 2022 bookmakers

Mancano poche ore all’inizio delle prove dell’Eurovision 2022 e gli scommettitori puntano forte sulla vittoria dei rappresentanti dell’Ucraina. Gli anni scorsi, prima del via delle prove, com’era la situazione? Gli scommettitori hanno azzeccato le previsioni? La risposta è… non sempre!

Per il 2022, alle spalle della Kalush Orchestra, ci sono i nostri Mahmood e Blanco, poi la rappresentante svedese e quelli di Regno Unito, Spagna e Polonia.

Eurovision 2022, gli scommettitori puntano sull’Ucraina, ma…

Nel 2021 Je Me Casse della maltese Destiny guidava la classifica delle preferenze davanti a Barbara Pravi (Francia), Gjon’s Tears (Svizzera). Solo quarti i nostri Maneskin che poi… conquistarono il primo posto all’Ahoy Arena di Rotterdam.

Nel 2019 favoritissimo Duncan Laurence con Arcade, che poi vinse a Tel Aviv. Il nostro Mahmood, poi secondo all’Exhibition Center israeliano, era solo al quinto posto.

Nel 2018 gli scommettitori puntarono forte su Toy di Netta, davanti a Bones degli Equinox (che alla finalissima fu soltanto quattordicesimo) e a Lie to Me del ceco Mikolas Josef (poi sesto). Nella Top 5 dei favoriti non compariva la cipriota Eleni Fureira, che fino alla fine contese la vittoria a Netta.

Nel 2017 super favoritissimo Francesco Gabbani, che a Kiev fu solo sesto. Secondo il bulgaro Kristian Kostov (che confermò la posizione anche nella Big Final), mentre il reale vincitore, Salvador Sobral, era soltanto quarto.

Nel 2016 gli scommettitori puntarono sul russo Sergej Lazarev con You Are The Only One (poi terzo) e J’Ai Cherché del francese Amir (poi sesto). Lontana dalla Top 5 Jamala, che con la profetica 1944 vinse a sorpresa.

Curioso il 2015, anno in cui i bookmakers scommisero di Heroes di Måns Zelmerlöw (poi vincitore) davanti a Il Volo (poi terzi) e all’australiano Guy Sebastian (poi quinto). Curioso il fatto che Polina Gagarina, seconda classificata a Vienna, non compare nella Top 5 degli scommettitori, dove, invece, trovano spazio i finlandesi Pertti Kurikan Nimipäivät, che nella prima semifinale ottennero soltanto il tredicesimo posto, non conquistando l’accesso alla finale.

Nel 2014 Conchita Wurst fu snobbata dai bookmakers, che puntarono forte sull’Armenia (poi quarta), Svezia (poi terza) e Danimarca (poi nona).

Quindi… la partita è apertissima!!!!!